lo scoutismo

la nascita dello scoutismo

La nascita ufficiale del movimento scoutistico risale al 1907 per opera di Robert Stephenson Smyth Baden-Powell detto anche Baden-Powell o più amichevolmente "BP". 

BP venne arruolato nel regio esercito inglese che lo portò ad andare di stanza nella colonia britannica d'India dove sviluppoò il suo metodo dell'"imparare facendo". 

La sua filosofia prevedeva la responsabilizzazione dei giovani direttamente mettendoli in gioco in posizioni di responsabilità. 

Lo scoutismo dopo pochi anni venne aperto anche alle ragazze dando origine al movimento dell "girls scouts" in Italia venne importato da Sir Francis Vane. 

Ad oggi gli scou sono divisi in due principali gruppi: CNGEI e AGESCI rispettivamente gli scout laici e quellli religiosi. 

In Italia non viene appliccata la divisione in base al sesso sulla linea dei valori della diarchia.

Soltanto le squadriglie sono divise in maschili e femminili.

history04.jpg__1800x1000_q85_crop-1_subs

i dieci punti della legge

La vita scoutistica è regolata da molte regole di tipo generalmente pratico ma esistono 10 punti detti "10 punti della legge" che insegnano ad ogni guida (= scout di sesso femminile) o esploratore (= scout di sesso maschile) l'etica, la morale e l'onore che bisogna porre nei propri comportamenti.

 

 

La Guida  e  lo Scout:

1 - Pongono il loro onore nel meritare fiducia

2 - Sono leali

3 - Si rendono utili e aiutano gli altri

4 - Sono amici di tutti e fratelli di ogni altra Guida e Scout

5 - Sono cortesi

6 - Amano e rispettano la natura

7 - Sanno obbedire

8 - Sorridono e cantano anche nelle difficoltà

9 - Sono laboriosi ed economi

10 - Sono puri di pensieri, parole ed azioni

       

Secondo questi principi lo "scout ideale" cerca sempre di comportarsi non solo nel contesto scoutistico ma anche nella vita di tutti i giorni. 

organizzazione

Gli scout mondiali si sviluppano su vari livelli gerarchici. Il livello più grande è importante è quello internazionale sotto al quale appartengono tutti gli scout del mondo. Ad oggi il presidente del "World Scout Committe" è Craig Turpie.

 

Gli scout mondiali sono poi divisi in 6 macroaree:

 

Segue in ordine di importanza la divisione per nazioni. Lo scoutismo cattolico italiano prende il nome di AGESCI (Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani) mentre lo scoutismo laico va sotto il nome di CNGEI (Corpo Nazionale Giovani Esploratori Italiani). L'Agesci ha per presidenti Vincenzo Piccolo e Barbara Battilana mentre il Cngei ha per presidente Enrico Corradini.

Il Nazionale viene poi suddiviso in regioni pertanto ogni regione ha un Consiglio, un'assemblea ed un comitato.

Ogni regione viene poi suddivisa in zone, da non confondersi con la provincia, la zona. La zona può raccogliere da un minimo di 6 ad un massimo di 20 gruppi ed ha come compito principale la promozione di eventi e la formazione dei Capi scout

Infine vengono i gruppi che; pur dovendo rispettare le regole comuni della zona, della regione, della nazione, della macroaerea e di tutti gli scout del mondo; godono di una notevole autonomia. In genere ogni città un poco grande ha un suo gruppo ed alcune grandi citta come i capoluoghi ma non solo hanno più di un solo gruppo.

Il gruppo si suddivide in branche: il branco, per i bambini/e dagli 8 ai 12 anni, il reparto, per i ragazzi/e dai 12 ai 16 anni, il clan, per i ragazzi/e dai 16 ai 20 anni ed infine in CoCa ovvero la Comunità dei Capi.

L'autonomia dei gruppi permette di definire altre età per la partecipazione alle branche, per esempio alcuni gruppi hanno deciso di eliminare l'ultimo anno di branco per prolungare di un anno il reparto.

Il reparto è suddiviso in squadriglie che possono essere maschili o femminili e prendono il loro nome da alcuni animali (ess. Volpi, Cervi, Gazzelle, Pantere ecc...). La squadriglie è composta da soli ragazzi ed al suo interno si trova il capo sq., il vicecapo sq., il terzo di sq. e tutti gli squadriglieri.

AGESCI.svg.png
400px-World_Organization_of_the_Scout_Mo